Il percorso delle riforme. Il Decreto liberalizzazioni

L'attività legislativa dall'insediamento dell'attuale Governo ha avuto una accelerazione prevedibile. Infatti di fronte alla velocità di evoluzione degli elementi di debolezza finanziaria del sistema Italia, l'inerzia sarebbe stata sicuramente letale. Dopo il primo intervento cosiddetto SalvaItalia, in gennaio è stato varato il CresciItalia divenuto definitivo solo a fine marzo. Dal punto di vista dei servizi che interessano gli utenti di Creia questo ultimo provvedimento interessa sostanzialmente su tre punti. Le nuove Società a Responsabilità Limitata fra giovani inferiori a 35 anni, nuove e più spedite procedure giudiziarie per il Diritto di impresa e le nuove regole nei rapporti con la clientela da parte dei professionisti. Le prossime tappe di questa azione saranno il Decreto di delega fiscale e quello sulla riforma del mercato del lavoro. Entrambi avranno un impatto notevole sulla vita degli operatori di impresa e professionali e saranno determinanti per il futuro dell'economia italiana.
 

La parte del Decreto sulle liberalizzazioni rivolta alla trasparenza da parte dei professionisti nei confronti della clientela corrisponde alla filosofia di Creia. Non è neanche detto inoltre che una maggiore trasparenza non porti dei vantaggi a chi eroga servizi professionali. Infatti per via della trasparenza è possibile il confronto corretto dei costi fra vari soggetti a tutto vantaggio di chi è in grado di offrire elevato rapporto qualità-prezzo. Chi già utilizza i servizi Creia sa che ogni incarico è preceduto dall'accordo sulle condizioni economiche del servizio. Nel caso dei servizi legali Creia, ed i professionisti convenzionati, fanno largo uso del doppio parametro costo/base – quota lite o risultato effettivo. Pertanto non ci saranno particolari modifiche nelle modalità finora seguite, se non che  il sistema di tariffazione verrà ulteriormente perfezionato e reso conforme a quanto previsto dalla norma. A tal fine nell'Area Uso di aree e Servizi viene aggiunto un Abstract specifico su modalità e funzionamento degli affidamenti dei servizi all'Associazione. Anche i professionisti del sistema Studio-impresa di Creia adotteranno identico sistema. Gradualmente nel corso del 2012 si chiederà a ciascun fruitore dei servizi la sottoscrizione del nuovo contratto di incarico adattato al nuovo funzionamento.